Chirurgo plastico Napoli: Prof. Raffaele Rauso vi da il benvenuto.

Tra i più comuni difetti estetici delle orecchie, troviamo le note “orecchie a sventola” , evidenti sin dall’infanzia e pertanto corrette sempre più spesso grazie alla  chirurgia plastica con l’intervento di otoplastica.

Oltre a questo inestetismo, la ben nota procedura correttiva auricolare è indicata anche per rimediare a inestetismi delle orecchie di altra tipologia.

L’otoplastica è infatti eseguita anche per la correzione di malformazioni della struttura auricolare e in tali casi si parla di otoplastica ricostruttiva.

Nello specifico, questa procedura è indicata per la correzione di difetti di origine post-traumatica come le note “orecchie a cavolfiore” tipiche dei giocatori di rugby. Si tratta di una deformità della struttura dell’orecchio prodotto del frequente frazionamento nelle mischie di gioco che generano ripetute pericondriti e quindi la comparsa di infezioni importanti in grado di deformare l’anatomia delle orecchie.

L’otoplastica ricostruttiva è, in tali circostanze, necessaria per la rimozione del tessuto compromesso e per ripristinare l’aspetto e la normale forma dell’orecchio.

L’intervento ricostruttivo auricolare è anche richiesto per la correzione di uno o entrambi i lobi compromessi esteticamente dall’utilizzo di orecchini pesanti e dilatatori o anche per ottenere la riduzione delle stesse orecchie spesso troppo grandi.

Le operazioni di otoplastica ricostruttiva sono generalmente eseguite in anestesia locale con sedazione ma la tempistica operatoria varia in relazione al tipo di difetto estetico da correggere.

Per altre informazioni sull’otoplastica ricostruttiva a Napoli potete rivolgervi al Prof. Rauso Raffaele.

 

Hai bisogno di assistenza? Clicca qui e parla con noi
 Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per gestire la richiesta di contatto. Leggi l'informativa