Chirurgo plastico Napoli: Prof. Raffaele Rauso vi da il benvenuto.

Negli ultimi anni, gli sforzi fatti in campo medico-scientifico per individuare quali siano i fattori predominanti che portano alcune aree del nostro corpo ad invecchiare repentinamente e sempre più spesso notiamo gli effetti causati dell’alterazione del microcircolo sanguigno. In particolare, analizziamo i fattori che portano i nostri capelli a sfibrarsi a causa di un mancato apporto di ossigeno e sostanze nutritizie a carico del sistema vascolare.

La miglior risposta a queste problematiche ci viene dalla carbossiterapia. Le caratteristiche evidenziate da questa terapia ben si prestano come rimedio all’alopecia. L’impiego dell’anidride carbonica come terapia nei problemi legati alla salute dei capelli, si distingue per le sue capacità angiogenetiche, ovvero agisce direttamente alla stimolazione della formazione di nuove reti vasali, per ampliare la disponibilità di ossigeno e altre sostanze ad uso del cuoio capelluto.

L’immissione di anidrite carbonica nel cuoi capelluto inoltre ha un azione vasodilatatrice che aumenta la disponibilità di sangue, e quindi di nutrimento, per le cellule di un determinato distretto. Altro meccanisco benefico ad opera della carbossiterapia usata nel trattamento anticaduta, è la stimolazione di un processo metabolico di regolazione dei livelli di ossigeno e Anidride carbonica nei tessuti. La presenza di co2 in quantità elevate spinge le cellule ad attivarsi per smaltirla, prelevandola dai tessuti e immettendo ossigeno che apporta enormi benefici in tutta l’aria. La CO2, come molti sanno, è un composto biocompatibile, che il nostro stesso corpo produce.

Sottoporsi ad un ciclo di carbossiterapia è dunque un passo importante per la lotta all’alopecia, poiché va a contrastare la riduzione del microcircolo, stimolandolo e rivitalizzandolo. La durata di questi cicli è variabile, in genere sei otto settimane, in sedute settimanali di pochi minuti, che consistono in iniezioni di Co2 per via intradermica sul cuoio capelluto, tramite l’utilizzo di aghi di piccolissimo calibro.

La tolleranza dei pazienti a questa terapia è buona, gli effetti immediatamente riscontrabili sono una sensazione “tensiva” e arrossamenti nell’area trattata, che tenderanno a sparire nel giro di un ora.

Per richiedere il vostro trattamento di carbossiterapia per alopecia a Napoli potete rivolgervi alla professionalità del Dott. Rauso Raffaele.

Carbossiterapia e alopecia
Ha trovato utile questo contenuto ?

Prof. Raffaele Rauso

Il Prof Raffaele Rauso, chirurgo plastico esperto in chirurgia estetica del volto, del seno e del corpo, opera e riceve a Napoli previo appuntamento.

Share This
Condividi

Condividi questo articolo ai tuoi amici.