Chirurgo plastico Napoli: Prof. Raffaele Rauso vi da il benvenuto.

Mai sentito parlare del Brazilian Butt Lift? Si tratta del tanto desiderato e richiesto intervento estetico per il rimodellamento dei glutei che permette di avere un lato b tonico, alto e pieno.

Ecco 3 cose da sapere su questo intervento che ha trovato terra fertile nel nostro paese.

1. Glutei belli grazie al grasso autologo
La BBL è una procedura che sfrutta l’azione volumizzante del grasso autologo per ridefinire il lato b. L’intervento prevede una prima fase in cui il chirurgo esegue una liposuzione per aspirare il grasso in eccesso da fianchi e altre aree del corpo in cui è più localizzato. Successivamente, il tessuto adiposo è sottoposto a processi di purificazione per poi essere infiltrato nell’area glutea tramite la tecnica di lipofilling. In particolare, l’infiltrazione è eseguita nel polo superiore dei glutei al fine di conferirgli un effetto push-up.

2. Nessuna cicatrice in vista
L’intervento di Brazilian butt lifting non prevede particolari incisioni se non quelle necessarie per la procedura di liposuzione e quindi per l’inserimento delle cannule ad aspirazione. Sarà sufficiente attendere qualche mese e seguire le indicazioni del chirurgo per ottenere una perfetta guarigione delle piccole suture.

3. Le alternative al lipofilling
In alternativa al lipofilling è possibile aumentare il volume del lato b ricorrendo ad una gluteoplastica con inserimento di protesi. Per chi invece preferisce evitare l’impianto in silicone e la chirurgia plastica, c’è il filler a base di acido ialuronico. La procedura è eseguita in seduta ambulatoriale e in anestesia locale.

Per richiedere la Brazilian Butt lifting a Napoli potete rivolgervi allo stimato Prof. Rauso Raffaele.

Hai bisogno di assistenza? Clicca qui e parla con noi
 Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per gestire la richiesta di contatto. Leggi l'informativa