Chirurgo plastico Napoli: Prof. Raffaele Rauso vi da il benvenuto.

La medicina estetica è sempre in evoluzione, al fine di andare incontro alle esigenze di coloro che desiderano un miglioramento del loro aspetto, specialmente per quanto concerne i segni dell’invecchiamento cutaneo. Oggi molto più che in passato, una donna non ama apparire anziana, specialmente perché conduce una vita sociale e lavorativa molto attiva ben oltre gli anta e non si può permettere di invecchiare.

Nella società moderna l’aspetto fisico ha un’importanza notevole e diventa quindi indispensabile curare la propria immagine, con particolare dedizione alla parte che più ci caratterizza, ossia il volto. Sono ben lontani i tempi in cui il bello si identificava con l’eccesso, quando la moda imponeva labbra esplosive o zigomi gonfiati e ora chi va dal medico estetico lo fa per ottenere un aspetto sano, naturale e giovane, senza stravolgimenti.

Si spiega quindi il motivo del successo dei vari trattamenti di medicina estetica non invasisi e che non richiedono una lunga degenza, come quella prevista per un intervento chirurgico. Si parla di un approccio olistico del volto, per indicare una serie di procedure soft e naturali finalizzate a migliorare l’aspetto e la salute delle pelle di un viso che appare svuotato e spento.

La perdita di volume è uno degli effetti più comuni dell’invecchiamento cutaneo e lo strumento per affrontarla è quello dei filler a base di acido ialuronico o di  idrossiapatite calcica, due sostanze naturali e biocompatibili in grado di riempire le zone svuotate e stimolare la produzione di collagene,  a vantaggio della tonicità e delle luminosità di tutto il viso.

Per quanto concerne le  cosiddette zampe di gallina , le rughette verticali tra le sopracciglia e quelle che segnano la fronte, l’approccio olistico del volto prevede l’utilizzo della tossina botulinica, che grazie al suo potere di controllare l’attività iper dinamica dei muscoli, riesce a dare ottimi risultati in termini di spianamento delle linee. Il medico esperto, procede con l’infiltrazione di botulino tramite micro iniezioni, distribuendo uniformemente il prodotto, per avere un risultato naturale e armonico, mantenendo inalterata la mimica facciale.

Quando il problema è quello della lassità cutanea del terzo inferiore del volto, l’approccio olistico del volto si affida a un trattamento conosciuto con  l’acronimo HIFU (High Intensity Focussed Ultrasound, ) che attraverso un macchinario di esclusivo uso medico, eroga ultrasuoni focalizzati in profondità del derma, per stimolare la produzione di collagene e rassodare la cute. Il risultato del lifting non chirurgico con HIFU sarà visibile dopo circa 90 giorni, il tempo necessario per la produzione di nuovo collagene.

Il dottor Raffaele Rauso, noto chirurgo plastico e maxillo facciale , predilige un approccio olistico del volto per un ringiovanimento graduale, ma duraturo e sottolinea l’importanza di programmare le varie sedute nel tempo,  secondo i consigli e i pareri di professionisti esperti.

La medicina estetica offre molte soluzioni e tutte molto valide, ma solo un medico qualificato è in grado di suggerire il percorso più adatto per ogni esigenza. Per  un consulto professionale con il dottor Rauso, è possibile prenotare una visita nel suo centro di Napoli.

L’approccio olistico del volto per un aspetto sempre giovane senza bisturi
Ha trovato utile questo contenuto ?

Prof. Raffaele Rauso

Il Prof Raffaele Rauso, chirurgo plastico esperto in chirurgia estetica del volto, del seno e del corpo, opera e riceve a Napoli previo appuntamento.

Share This
Condividi

Condividi questo articolo ai tuoi amici.